Articoli

Martedì 24 Luglio 2012 - Rubrica giorno & notte

recensione 01

Recensioni

Prof.ssa Laura Natangelo
"La vicenda delle immagini, nel vasto repertorio delle possibilità interpretative" presenta molteplici aspetti. Il messaggio che ne deriva, figlio del gesto, diretto e quindi efficace assume valore a seconda degli stati d'animo, dell'esperienze culturali e dell'evoluzione degli interessi speculativi.
La pittura dell'artista esula a tratti dalla raffigurazione tradizionale per maturare una vicenda estetica raziocinata dal reale, a cui fa riferimento con acuta attenzione. Le campiture a plat, tradotte in termini espressivi si avvicinano agli effetti delle Vetrate, iridescenti ma nel contempo nettamente definite da una linea di matrice espressionista.
La Cirincione a volte sacrifica il piacevole momentaneo per giungere ad uno schema compositivo predeterminato; infatti i bozzetti preparatori alcuni dei quali ispirati al paesaggio e alle architetture di Gratteri, ne denunciano la loro essenza, essendo volti al tentativo di recupero dei mezzi propri dell'arte povera, ambito all'interno del quale si collocano gli artisti naif.
La percezione delle opere evidenzia la ricerca di un legamento univibrante in grado di contenere l'improvvisa accensione dei colori all'interno di un pulviscolo dorato, aulico che ne accentua il preziosismo.
L'artista procede attraverso una scansione fortemente timbrica, con assoluta sincerità di modi, rincorrendo le proprie emozioni. In momenti storici nei quali le contraddizioni ne rappresentano sovente la cifra dell'operare artistico, è sicuramente piacevole ritrovarsi accanto ad una pittrice che interpreti il perpetuo anelito della natura mediterranea attraverso una tensione lirica definita e appassionata.

 

 

Ing. Giacomo Ilardo, Sindaco di Gratteri
"Conosco Liliana da sempre. Nonostante non abbia intrapreso studi artistici ha coltivato fin dall'infanzia questa sua vocazione artistica, che oggi l'accredita ad essere una tra le migliori artiste locali. Le sue numerose tele mostrano una solarità ed una espressività cromatica che rispecchiano il suo animo. La sua libertà espressiva, priva di ogni rigidità accademica. riflette vivacità, solarità e freschezza volta al recupero dei mezzi propri dell'arte povera tipica degli artisti naif.
I colori sono quelli caldi e vividi della mediterraneità, sovente sottolineati dall'utilizzo delle tecniche con foglia d'oro che fa risaltare i contrasti cromatici utilizzati nelle varie opere, sia paesaggistiche che di tema floreale.
Come tutti noi gratteresi è stata fortemente influenzata dal paesaggio naturalistico che abbraccia mare e montagna, folti boschi e tramonti mozzafiato, magistralmente impressi sulle tele dell'artista con forti contrasti che ne enfatizzano sia il realismo che la spinta emozionale e simbolica. Ciò imprime alle tele una evocatività da cui traspare l'animo dell'artista stesso, il forte carattere e l'amore per la sua terra. I soggetti rappresentati sono tra i più vari, dalle nature morte ai paesaggi, con una particolare predilezione per i temi floreali e religiosi. In particolare il lilium suo fiore prediletto, riecheggia spesso nelle tele, sia da solo che inserito nei paesaggi, che a volte sembrano sospesi nel tempo su un mare di nuvole.
Il vivido realismo con cui ha immortalato molte delle bellezze naturali e paesaggistiche di Gratteri è oggi forse il migliore biglietto da visita per la nostra piccola cittadina e di questo sentitamente La ringrazio a nome di tutta la comunità. Auguro di tutto cuore alla giovane artista Liliana il successo che merita e di poter attingere sempre ispirazione dalla natura e dalla cultura gratterese che appassionatamente ha elevato fin oggi al rango di Arte. "